Il marmo e la sua pulizia

PuliziaMarmi PAGI.

I consigli utili per avere un marmo perfetto e sempre nuovo


Il marmo è un materiale utilizzato molto spesso per le superfici della casa o per gli esterni,

ad esempio per i davanzali. È un materiale molto bello ma con una manutenzione

difficoltosa, vista la porosità della pietra. Usato fin dall’antichità per impreziosire pavimenti,

superfici ed edifici, il problema della pulizia esiste da sempre: questo materiale infatti tende

a sporcarsi e macchiarsi facilmente di sporco o calcare. Riportiamo quindi alcuni rimedi

possibili per renderlo splendente come quando lo avete comprato nuovo!

La cosa positiva è che esistono tanti rimedi naturali e fai da te per rimuovere macchie di

calcare o sporco. Ad esempio in casa tutti abbiamo del bicarbonato o del sapone di

Marsiglia, che sono due prodotti molto consigliati per la manutenzione di questa pietra. Sia

che il marmo sia nuovo o vecchio, che sia un marmo bianco o nero, o adibito ad interni o

esterni, i rimedi possono essere molteplici, dai meno aggressivi a quelli più efficaci con

macchie resistenti.


Iniziamo a precisare che essendo il marmo molto delicato, è bene evitare completamente

detersivi abrasivi o la candeggina, e dopo aver passato il prodotto scelto, ricordatevi sempre

di asciugare bene l’area, ad esempio con un panno di camoscio. Seconda cosa importante,

ricordatevi che una pulizia periodica è sempre meglio di una ogni tanto, magari fatta con

prodotti più aggressivi. Per fare ciò, optate per una pulizia utilizzando acqua calda e sapone

neutro, oppure ammoniaca, su un panno morbido, e asciugate sempre dopo aver

risciacquato per bene tutto il sapone.

Marmo lucido

Vediamo in ordine di aggressività quali sono i rimedi, dal meno aggressivo a quello più

efficace con macchie ostinate: come abbiamo già detto, il marmo è un materiale poroso che

assorbe molte sostanze grasse e oleose o coloranti che tendono a macchiarlo, ingiallirlo e

renderlo opaco.

La prima soluzione è di usare un panno umido appena si versa qualcosa sul materiale, prima

ancora che venga assorbito. Ricordatevi però di non strofinare troppo perché rischiate di

rigare e graffiare il marmo. Dopo asciugate sempre il bagnato, perché se lo si lascia

evaporare, renderà opaco la superficie.


La seconda soluzione è quella di utilizzare l’acqua ossigenata a 10 o 12 volumi (quella che si

trova comunemente al supermercato e che si usa per disinfettare le ferite) che ha potere

smacchiante e sbiancante. Bagna un panno umido con l’acqua ossigenata e strofinalo sulla

macchia, in questo modo verrà estratto lo sporco senza aggredire il materiale. Ricordatevi

sempre di non strofinare troppo!

Se le prime due possibilità non funzionassero, usate il bicarbonato di sodio mischiato con un

po’ di acqua per renderlo pastoso, che avrà una leggera azione abrasiva e lucidante. In

alternativa, sicuramente avrete in casa del Sapone di Marsiglia: ecco, imbevete una spugna

con il sapone e passatela sulla macchia – potete anche combinarlo con un cucchiaino di

bicarbonato per avere una azione ancora più energica.


In ultimo, se tutti gli altri metodi non hanno sortito l’effetto desiderato di pulizia, bisognerà

optare per un detergente specifico per il marmo. Questi sono prodotti delicati con

concentrazioni di acqua variabili che hanno una azione più decisa su macchie di grasso o

calcare. Se servisse per marmi da pavimento, il detersivo viene venduto solitamente con una

cera lucidante e di manutenzione, un tampone bianco per rimuovere i segni delle scarpe e

un vello spandicera.

Per ogni rimedio che decidete di provare, in ogni caso, è bene testarlo su un angolo non

visibile, per essere certi che il prodotto non abbia una azione abrasiva e generalmente per

vedere che effetti ha.

Ultimi POST