Foto di Mastroianni rende ricco uno sgombero cantina

MatroianniPAGI.

Divi del cinema chiusi in cantina


Immaginate un normale sabato pomeriggio di Agosto.

Siamo a Jesi, una delle province più famose delle Marche.

Il protagonista di questa storia è il Sig. Giovanni. 

Sessantacinque anni, vedovo. Un cane, una tartaruga d’acqua e una fastidiosa artrite alla gamba sinistra. Uno di quei piccoli handicap che ti fanno sentire più vecchio di quanto la tua anagrafe non dica. 

Ma soprattutto, un limite o un alibi per evitare di fare alcuni lavori di fatica.


Giovanni possiede due cose che pensa di poter coniugare con un discreto risultato d’interesse.

Ha un vicino di casa aitante, giovane e dalla schiena granitica tipica di un venticinquenne. Inoltre, Giovanni possiede una seconda cantina.

Esatto. Una di quelle cantine che si è “ritrovato” venticinque anni prima, dopo l'acquisto di un secondo appartamento, adiacente al suo, con il quale aveva unito quello che sarebbe diventato il suo nuovo salone di casa.

La piccola cantina apparteneva alla Sig. Aliprandi. Una simpatica vecchietta deceduta di ictus e da un vecchio passato di signora della medio borghesia romana.

Ora. La cantina in questione non è mai stata liberata del tutto. Come uno di quelle cose che “prima o poi farò” e che poi restano nella lista dei propositi, lo spazio angusto e umido non solo non è mai stato bonificato ma addirittura utilizzato per aggiungerci altre cianfrusaglie.

Il giovinotto ha bisogno di soldi e cerca lavori di fatica per arrotondare. Il Sig. Giovanni deve assolutamente liberare quella cantina e vuole risparmiare. Per non parlare del fatto che la gamba malandata non ne vuole sapere di metterci becco.

L’affare è presto fatto. Pochi denari del vecchio conio, chiavi in mano e un pomeriggio davanti alla tv con il ventilatore piantato in faccia.

Il rumore dello sgombero che riecheggia nel cortile, ha il dolce suono del lavoro svolto da altri.

A un certo punto, si sente il furgone chiuso mala maniera, quasi furtivamente.


mastroiannifellini.

A fine sera, il lavorante è stanco e sudato. Stranamente rosso in volto. E’ reverente e fin troppo gentile. Addirittura non chiede nulla per l’operato e si congeda frettolosamente dalle attenzioni del Sig. Giovanni il quale resta con un senso di debita gratitudine.

All’alba di martedì, l’appartamento del giovane aitante risulta abbandonato, con dentro ancora le poche cose di altrettanto esiguo valore di appartenenza.

Sotto l’incredulità di tutti gli inquilini del palazzo che rumorosamente aumentano il chiacchiericcio nell’androne, arriva la notizia di un ritrovamento unico. Chavez..ecco il nome del giovine…sembra abbia trovato in una cantina del condominio una foto esclusiva di Mastroianni e Fellini sulle scene del film 8 e mezzo.

La foto, incorniciata in una dozzinale cornice di legno, era firmata in originale dal famoso attore e dal mitico regista. Particolari che conferivano all’oggetto un valore inestimabile che si calcolava su cifre a sei zeri per alcuni amatori del settore.

 

Questa storia può essere vera? E se lo fosse?

A voi che avete letto rimane il dubbio ma di certo resta il fatto che potrebbe non essere inverosimile.

Quanto è convenuto al Sig. Giovanni risparmiare sullo sgombero della cantina?

Mettiti in mano di un professionista e possibilmente onesto. Paghi un po’ di più per il servizio ma potrebbe essere questa….la tua fortuna.


Chiedi info sul servizio sgombero di PAGI srl

Ultimi POST