Come pulire la tastiera del PC

Pulire tastiera pc

Manutenzione PC: La tastiera e la nuova pattumiera

Arriva la primavera. O per lo meno sembra che finalmente  il tempo uggioso degli ultimi mesi abbia lasciato il posto all'anticipazione di Giugno.

Arriva il sole e si sente l’esigenza di dare una ella rinfrescata. Che sia ufficio o appartamento, ci sono accessori e oggetti della nostra quotidianità che spesso non consideriamo con la dovuta attenzione.

Tutti molto attenti alla pulizia del wc ma sono sicuro, che a prescindere dalla stagione, nessuno presta grande minuzia alla pulizia della tastiera del pc.

Eppure, difficile da credere, una tesi scientifica attesta che si annidano piu' batteri in una tastiera di computer che in una tavoletta di un wc e, di conseguenza, il rischio di contrarre un'infezione e' maggiore in ufficio piuttosto che in una toilette.

Niente allarmismi. E’ una condizione abbastanza normale.

Le principali cause di tanta contaminazione sono da imputare proprio alla vita che conduciamo negli ambienti di lavoro.

Il consumare spesso pranzi direttamente in scrivania o il semplice sgranocchiare di snack e bevande, agevola l’annidarsi di briciole e resti di cibo. Un ambiente assai prolifero per batteri e nemico dell’igiene personale.

Ecco, quindi, che diviene certamente utile avere un’impresa di pulizia o qualcuno addetto al mantenimento della pulizia di tali oggetti, sui quali posiamo abitualmente le nostre mani.

Ma a fronte di quanto sopra citato, sicuramente non basta. Ogni tanto, è giusto richiedere  o effettuare una pulizia più approfondita, che non sia un utile ma pur sempre superficiale straccio passato sui tasti.

Tastiera sporca cause

Vediamo allora come pulire la tastiera del pc.

1-    Spegnere il PC

Spesso e volentieri, il pc resta acceso anche la notte. Oltre a dare sollievo ai valori di consumo e prestazione dell’hardware, spegnere il PC è essenziale per evitare di incorrere in guai tecnici. Questo perché le fasi a seguire comportano tecniche particolarmente invasive.

 

2 – Raccogliere i residui

Per raccogliere i residui si possono scegliere tecniche differenti.

Se il PC è un desktop si può partire con una raccolta manuale, grazie al supporto di una graffetta passata tra le intercapedini della tastiera. Noterete che passandola meticolosamente in un solo senso, sul lato finale si raccoglieranno dei veri e propri batuffoli di polvere che sarà necessario arpionare successivamente con la graffetta piegata.

Un secondo aiuto è l’utilizzo di una bomboletta di aria compressa. Munita di beccuccio molto sottile e studiata per lo scopo, con piccoli getti d’aria è in grado di sollevare i residui incrostati o nascosti tra i tasti.

Queste operazioni appena descritte non sono attuabili su un PC portatile. Condizione nella quale non solo non sarà possibile usare l’asportazione manuale dello sporco, bensì sarà necessario utilizzare una aspirapolvere. Difatti, la procedura di sparare aria compressa, non è consigliata. I tasti di un PC portatile e i circuiti sottostanti sono molto più vicini e assai delicati. Quindi è necessario adottare procedure molto più delicate.

Pulire tastiera del PC con conpressore

3 – Scotolare

Sia in aspirazione sia in compressione, lo sporco inserito nella tastiera non sempre troverà via di uscita. Quindi capovolgere e scotolare delicatamente la tastiera potrebbe essere l’atto finale per una eliminazione quasi definitiva delle rimanenze.

4 – Togliere i tasti

Se proprio vi fidate delle vostre mani e delle vostre capacità, potete anche munirvi di un piccolo cacciavite per la manutenzione informatica, al fine di sollevare momentaneamente i tasti.

Questo consentirebbe di pulire a fondo il tutto ma sia chiaro, accade spesso che il tasto reinserito non ritrovi correttamente il suo alloggio.

E’ chiaramente una operazione facoltativa e molto minuziosa. Spazio agli audaci per chi vuole provare.

Ultimi POST